Un Marziano a Caltanissetta

Written by Grilli Nisseni. Posted in Ambiente, Cittadinanza, Politica

Importante! Svelato un mistero! A Caltanissetta negli ultimi dodici mesi sono sbarcati i marziani! Anzi un Marziano ed è donna. La vedete qui a fianco. In apparenza sembra un’esile donnina sui “sessanta” e invece è un mostro. Sul suo Pianeta (Vedelago – Treviso) dicono che abbia risolto il problema dei rifiuti differenziando il 99% della “monnezza” e addirittura con un infernale macchinario “non inquinante” riescono a ricavarne plastica e materiale per l’edilizia da rivendere, insomma fanno soldi con i rifiuti! Ebbene sì, per ben due volte, questo marziano è stato da noi. La prima volta parlò in forma privata col nostro Sindaco che stizzito disse “Non accetto lezioni di raccolta differenziata da nessuno!”* (e non è che non si veda) e poi aggiunse: “ad ogni modo, in qualità di Capitano della nave nissena, prometto di venire entro un mese sul vostro Pianeta a studiare l’impianto di riciclo”**. Da buon marinaio non si fece più vedere e fregò il marziano pensando che gli alieni avessero la memoria corta e le “palle” piccole. Passavano i mesi e il Marziano continuò a collaborare con le più importanti Università mondiali e con le commissioni Europee. Si narra che ci sono treni che passano una volta sola, stavolta invece, il Marziano impavido, tornò a Caltanissetta per un incontro costruttivo con i vertici ATO (Ingala-Scontrino). Orgogliosi, questi, proposero un “progettino” da 50 Milioni di euro che in parte avrebbe pagato la Regione Sicilia (notoriamente fallita) e in parte i cittadini (in aggiunta alle già salatissime bollette). Questo comico progetto prevedeva degli iperbolici cassonetti intelligenti e a scomparsa, azionati da fantastiche carte magnetiche e un meraviglioso “INCENERITORE” di ultima generazione, il dissociatore molecolare, ancora in fase sperimentale, del quale non si conoscono gli eventuali effetti “indesiderati”, ma c’è già una levata di scudi da parte di oltre 300 medici in Italia capitanati dall’oncologa Gentilini. Ah dimenticavo, la ditta appaltatrice di tale ecomostro, avrebbe avuto un contratto trentennale con relativo obbligo di conferimento di migliaia di tonnellate di rifiuti, pena, pesanti sanzioni pecuniarie. E per ultimo dissero che il loro ambizioso progetto prevedeva il raggiungimento del 30% della raccolta differenziata entro il 2016! Il Marziano ascoltò in religioso silenzio tutta la storia e quando il pubblico pensava che egli non capisse la nostra lingua o ancora peggio fosse morto, disse lapidario: “50 MILIONI?? Cassonetti Intelligenti?? Inceneritori?? 30% in tre anni?? Io sarò pure un marziano, ma i nisseni non saranno mica dei coglioni!!??

Post liberamente tratto da un messaggio di MIchele Bellomo, attivista nisseno.

QUI trovate il comunicato ufficiale del MoVimento 5 Stelle Caltanissetta

* frase realmente detta. ** frase parafrasata da “Gentile dott. Poli la verrò sicuramente a trovare nei prossimi giorni, il tempo di sistemare altre visite in zona” (04/03/2011).

Trackback dal tuo sito.

Commenti (2)

  • Marco Negrì

    |

    Nel tempo intercorso tra le due visite del “marziano” il povero capitano nisseno non ha trovato il tempo di recarsi sul pianeta Vedelago ma gli altri marziani sono riusciti a mettere a punto addirittura un modo per RICICLARE I PANNOLINI SPORCHI!!!
    Stiamo attenti, se continuano così questi mostri finiranno per azzerare la munnizza! E poi cosa ci resterà da bruciare? Rischiamo di non poter fare nemmeno un poco di diossina…. :(

    Rispondi

  • Girolamo Carubia

    |

    Tra marziani e coglioni non ci sto capendo in bel niente. So di certo che sto pagando, in Agrigento, la tariffa più alta d’italia e un servizio che spesso va in tilt per ragioni che non riesco sempre a comprendere. Ovvero mi hanno detto che abbiamo, come al solito, un esercito pieno di generali profumatamente pagati e i pochi soldati non sempre retribuiti.Che dire se fossi fuoco li arderei e se fossi acqua li annegherei, ma sono un povero cristo come tanti e come tanti annego nella spazzatura.

    Rispondi

Lascia un commento